Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

per non dimenticare: uno dei tanti incendi a Scapigliato PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 25 Maggio 2018 09:03

in allegato (Il Tirreno 5.4.14) l'articolo su uno dei tanti incendi a Scapigliato

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (incendio scapigliato 2014.pdf)incendio scapigliato 2014.pdf Maurizio Marchi1427 Kb
 
sentenza definitiva discarica Scapigliato PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 25 Maggio 2018 08:37

sentenza definitiva discarica Scapigliato (Cassazione 2010)

Grazie a Monica Pecori, consigliera regionale aderente a Medicina democratica,  trovata anche la sentenza di 3° grado di condanna del gestore REA della discarica di Scapigliato: le maleodoranze hanno causato "danno esistenziale" ai cittadini. Occorre farla valere anche a Stagno (Raffineria) e a Piombino (maleodoranze da discarica di Rimateria). Monica, è il caso di farla avere anche ai cittadini disgraziati di LONZI.

Oggetto: sentenze CORTE DI CASSAZIONE PENALE 09/06/2010 n.22012 Emissioni in atmosfera di biogas proveniente da discarica Specifiche prescrizioni tecniche Reato di cui all'art. 674 cod. pen. Configurabilità Elementi Reato di pericolo Concorso con le norme a tutela dell'ambiente Art. 3 D.P.R. n. 203/1988 Definizione di inquinamento atmosferico Art. 2, punto 1, d.P.R. n. 203/1988


Maurizio Marchi
 
privatizzazione della sanità con il TISA PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 23 Maggio 2018 16:28

Il G7 Salute tra accordi segreti e falsi proclami. Obiettivo: privatizzare tutto

Fatto quotidiano 1 novembre 2017

 

Vittorio Agnoletto
Medico, professore presso l'Università degli Studi di Milano

Post | Articoli

Facebook

Twitter

Il 5 e 6 novembre si riunirà a Milano il G7 sulla salute. I temi all’ordine del giorno, definiti dalla ministra Lorenzin, saranno: le conseguenze sulla salute dei cambiamenti climatici, la salute della donna e degli adolescenti e la resistenza antimicrobica. Da un tale incontro non uscirà assolutamente nulla se non un semaforo verde per trarre ulteriore profitto dalla nostra salute e dalla devastazione del pianeta.

Considerato chi siederà attorno a quei tavoli non è possibile immaginare nulla di diverso. Sono gli stessi governi che in gran segreto dal 2013 stanno trattando l’accordo TiSA (Trade in Services Agreement) sugli scambi dei servizi, tra questi quelli finanziari, ma anche l’istruzione e la sanità.

Nel 2014 WikiLeaks, l’organizzazione di Julian Assage, ha per la prima volta rivelato l’esistenza di tali trattative. Il Tisa sarebbe il più grande accordo commerciale mai discusso: i servizi infatti rappresentano circa il 70% del Pil mondiale,

Ultimo aggiornamento ( Sabato 26 Maggio 2018 10:53 )
 
acqua a Volterra, MD svolge il suo ruolo PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 23 Maggio 2018 16:40

MEDICINA DEMOCRATICA

Asa attacca e minaccia MD, ma non convince

Nervi scoperti sull’acqua a Volterra: prima il geologo Cinci, poi ASA, infine il sindaco Buselli, che parla di presunte “insinuazioni”. Troppa (dis)grazia.

Innanzitutto occorre dire che ognuno debba fare il suo mestiere: il gestore del servizio idrico faccia il suo, distribuendo acqua buona alla popolazione, meglio senza affidarsi all’acquedotto di Montaione, mentre una associazione di difesa della salute come MD deve informare la popolazione, ad esempio sull’acqua potabile, anche se  questa abbia inquinanti entro i limiti di legge. Esaminando i dati ASL, in cui riponiamo più fiducia (nonostante sia un’”azienda”) che non in una società per azioni qual è ASA, abbiamo rilevato, nel nostro lavoro volontario (sottolineiamo volontario) vari elementi da mettere all’attenzione pubblica, non per “procurare allarme”, come ci accusa la Spa, ma affinchè ci sia una presa di coscienza pubblica e semmai richieste di miglioramento del servizio.

 
Ministero prescrive ma ENI non fa PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 23 Maggio 2018 15:59

ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE E DEI LAVORATORI AD EMISSIONI TOSSICHE E MOLESTE

1-      Si è confrontato l’AIA 2010 DM 498 del 6.8.2010 con l’AIA 2018 DM 32 del 2.2.2018.

2-      Si è notato che all’articolo 3 “Altre prescrizioni” di entrambi i decreti ministeriali, si ripete la prescrizione sulla georeferenziazione dei punti di emissione:

 

Nell'allegato, sopra l’AIA 2010, sotto l’AIA 2018

 

Data la ripetizione, si presume pertanto che nel  lasso di tempo tra il 2010 e il 2018, la prescrizione non sia stata adempiuta, con danno al controllo da parte degli organi di controllo. Tale mancata georeferenziazione è   da mettere in relazione con le notevoli emissioni atmosferiche.

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (ENI Livorno confronto AIA 2010 con AIA 2018.pdf)ENI Livorno confronto AIA 2010 con AIA 2018.pdf Maurizio Marchi336 Kb
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 181