Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

geotermia e salute PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Domenica 19 Febbraio 2017 11:35

Geotermia in Amiata. Loro si stanno comportando allo stesso modo dei fascisti

blog di Roberto Barocci

Hanno cercato in tutti i modi di nascondere la realtà, che emergeva dallo studio epidemiologico del CNR/2010, affermando che quei dati erano tranquillizzanti. Se per loro il + 13% di mortalità negli uomini è un dato tranquillizzante, c’è da allarmarsi!
Ma poi hanno nascosto tali dati, in sede di Valutazione di Impatto Ambientale per i nuovi impianti di Piancastagnaio e Bagnore 4, falsando il quadro sanitario, permettendo di aggiungere, con i nuovi impianti, altri inquinanti in un ambiente già assolutamente fuori norma.
Quando abbiamo iniziato a smentirli, utilizzando i numeri dello Studio CNR/2010, ci hanno perfino minacciato di denuncia per procurato allarme e l’Enel ci ha portato in Tribunale, chiedendo i danni. Nel mentre, in Amiata si continua a morire in eccesso: anche prepotenti…
Poi, hanno detto che quei dati dipendevano dagli stili di vita e, quando sono stati chiaramente smentiti da uno studio della stessa ARS, hanno affermato che poteva dipendere dagli stili di vita del passato. Ma i dati del passato minerario dicono che si viveva meglio in Amiata che nel resto della Toscana. Allora hanno incominciato ad inventarsi che erano inspiegabili le differenze di mortalità registrate tra i sessi, sapendo invece che tali differenze sono normali e documentate in molti studi epidemiologici relativi agli inquinanti ambientali, che fanno registrare una diversità di genere vedi , allora dall’allarme siamo passati all’indignazione. Non avevano più scusanti.

 
vergogna ! PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 17 Febbraio 2017 11:44

La Giunta Raggi sgombera il Forum dell'acqua

Thu, 16/02/2017 - 16:16
di
Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua - Decide Roma

Questa mattina i vigili inviati dal Dipartimento Patrimonio del Comune di Roma sono entrati nella sede del Forum Italiano dei movimenti dell'acqua e delle altre associazioni con sede presso il Rialto Sant'Ambrogio a Roma, impedendo l'accesso a tutti coloro che da anni quotidianamente fanno vivere uno spazio altrimenti abbandonato.

È qui che si è fatta la storia del movimento dell'acqua che ha portato alla vittoria del referendum del 2011, spesso rivendicato dalla stessa giunta Raggi e dal Movimento 5 stelle... evidentemente la loro prima stella si è prosciugata.

Nessun contatto ci è stato con l'amministrazione Raggi, nonostante le parole dell'assessore Mazzillo a cui chiediamo un incontro immediato. Sono mesi che il Forum dell'Acqua, insieme alla rete Decide Roma e a decine di associazioni, si è battuto per trovare una soluzione alla vicenda del patrimonio del Comune di Roma e del riordino delle concessioni, chiedendo il riconoscimento del valore sociale delle nostre attività in questi spazi, che - come l'acqua - non possono essere messi a profitto.

La mozione approvata all'unanimità la scorsa settimana dall'Assemblea Capitolina deve trovare immediata applicazione, con una delibera di Giunta che blocchi gli sgomberi di tutti gli spazi e che restituisca il Rialto a coloro che ne hanno avuto cura in questi anni.

Giù le mani dalla città solidale!

 
CHI E COME MANIPOLA L'INFORMAZIONE PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Domenica 12 Febbraio 2017 22:34

Dietro il Muro bipartisan

di Manlio Dinucci

Rete Voltaire | Roma (Italia) | 28 gennaio 2017

 

 

È il 29 settembre 2006, al Senato degli Stati uniti si vota la legge «Secure Fence Act» presentata dall’amministrazione repubblicana di George W. Bush, che stabilisce la costruzione di 1100 km di «barriere fisiche», fortemente presidiate, al confine col Messico per impedire gli «ingressi illegali» di lavoratori messicani. Dei due senatori democratici dell’Illinois, uno, Richard Durbin, vota «No»; l’altro invece vota «Sì»: il suo nome è Barack Obama, quello che due anni dopo sarà eletto presidente degli Stati uniti. Tra i 26 democratici che votano «Sì», facendo passare la legge, spicca il nome di Hillary Clinton, senatrice dello stato di New York, che due anni dopo diverrà segretaria di stato dell’amministrazione Obama.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 15 Febbraio 2017 17:40 )
 
tallio in Versilia, lo studio di ARS settembre 2016 PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 15 Febbraio 2017 17:35

https://www.ars.toscana.it/it/aree-dintervento/determinanti-di-salute/ambiente/dati-e-statistiche/3465-presentazioni-sui-risultati-dello-studio-sulla-contaminazione-da-tallio-in-provincia-di-lucca-settembre-2016.html

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (Relazione_TALLIO_ARS_08092016.pdf)Relazione_TALLIO_ARS_08092016.pdf Maurizio Marchi1573 Kb
 
viareggio, riassumere subito il ferroviere Antonini PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Sabato 11 Febbraio 2017 18:06

Sito internazionale 02 Feb 2017

La sentenza sulla strage di Viareggio è un’occasione mancata

Federico Di Vita, giornalista
Ilaria Giannini, giornalista

Sette anni a Mauro Moretti, ex amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello stato (Fs), sette anni e mezzo a Michele Mario Elia, all’epoca alla guida di Rete ferroviaria italiana (Rfi), e a Vincenzo Soprano, ex amministratore delegato di Trenitalia.

La sentenza di primo grado del processo per la strage di Viareggio, arrivata dopo quasi otto anni dall’esplosione del treno carico di gpl che uccise 32 persone, ha condannato i manager che nel 2009 erano a capo delle Ferrovie dello stato.

Un giudizio storico per uno dei più gravi disastri ferroviari europei del dopoguerra, che ha però il sapore dell’occasione mancata, perché l’impianto accusatorio, emerso in questi lunghi anni di indagini e dibattimenti (oltre 240 le udienze al foro di Lucca), è stato in parte ribaltato dal collegio giudicante.

L’accusa infatti metteva al centro delle responsabilità i vertici delle Ferrovie dello stato, arrivando a chiedere il massimo della pena per Moretti (16 anni) e per Elia (15 anni), accusati di aver preso decisioni che hanno ridotto i margini di sicurezza lungo la rete ferroviaria nazionale.

Ultimo aggiornamento ( Sabato 11 Febbraio 2017 18:15 )
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 145