Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

per le spese militari non ci sono tagli PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Sabato 18 Novembre 2017 00:03

guardate questo video di 4 minuti

http://milex.org/2017/09/09/video-le-spese-militari-italiane-spiegate-in-4-minuti/


manca purtroppo l'informazione sulle contaminazioni cancerogene diffuse su tutto il territorio italiano dall'apparato militare NATO e italiano


guardate e sostenete il sito http://milex.org/ per una buona informazione sulla criminale spesa militare


ecco come l'Italia di Renzi al pari di quella delle destre segue come un cane fedele la destra americana e innanzitutto la lobby finanziaria-militare-

poliziesca-tecnologica e con Minniti il PD si afferma il principale e indiscutibile referente politico di tale lobby


Bozza Ddl Bilancio 2018: spese militari in aumento, sopratutto per nuovi armamenti
 
tra siccità e servi di Solvay PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Martedì 14 Novembre 2017 11:19

MEDICINA DEMOCRATICA

SEZIONE DI Livorno e della Val di Cecina

Non solo dissalatore, Solvay deve riciclare acqua e rifiuti, a tutela della nostra acqua

Già a metà giugno scorso la Giunta regionale toscana dichiarava lo stato di emergenza idrica e l’Autorità idrica specificava che tutta la val di Cecina” da Volterra fino al mare” è coinvolta nell’emergenza. Ora Rossi torna alla carica con il tubone dalla zona Apuana e l’invaso a Pian di Goro nell’alta val di Cecina,scaricando la spesa di queste grandi opere idrauliche sulle bollette dei cittadini, per  garantire acqua alla Solvay. La proposta di Medicina democratica, sostenuta da 1500 firme, per un dissalatore di acqua di mare a carico di Solvay era pertanto quanto mai azzeccata. Ma non solo, nel nostro archivio abbiamo ritrovato un decreto del Ministero dell’ambiente del 3 settembre 2002 (visibile integralmente sul nostro sito internet) in cui il ministero, autorizzando l’invaso Solvay sul torrente Cortolla (Montecatini val di Cecina) prescriveva alla multinazionale : 1 di interrompere i prelievi dai pozzi della val di Cecina da giugno a novembre, per riservare le acque di falda ai prioritari prelievi civili 2) di elaborare uno studio di fattibilità di un impianto di desalinizzazione dell’acqua necessaria al ciclo produttivo 3) di un impianto per il riutilizzo e il trasporto ai cantieri minerari di Montecatini VdC dell’acqua esausta di salamoia da Rosignano. Poi Solvay non costruì l’invaso autorizzato, passando al progetto IDROS (2004), poi al progetto di Puretta (2007) in collaborazione con ASA, infine, dopo l’aborto di questi  progetti è tornata a chiedere ed ottenere l’autorizzazione di 6 nuovi pozzi (2015) sul fiume Cecina: la soluzione meno costosa per Solvay e più impattante per le falde idriche già in forte sofferenza. Un disastro per la popolazione.

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (Cortolla invaso MATT 2002.pdf)Cortolla invaso MATT 2002.pdf Maurizio Marchi2004 Kb
Ultimo aggiornamento ( Sabato 18 Novembre 2017 00:22 )
 
sabato 11 manifestazione contro la geotermia sull'Amiata PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 08 Novembre 2017 10:08

Contro l'aggressione sempre più invasiva dei vecchi (Enel) e nuovi squali della geotermia ai territori dell'Amiata e della zona di Larderello-Travale-Radicondoli (con epicentro Volterra) i movimenti anti-geotermia promuovono una manifestazione sull'Amiata per sabato 11 novembre, a cui tutti sono invitati.

 

 

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (volantino amiata 11.11.17.pdf)volantino amiata 11.11.17.pdf Maurizio Marchi558 Kb
 
parte un'ulteriore indagine di ARS sulla salute degli amiatini PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 08 Novembre 2017 10:49

Parte un'ulteriore indagine di ARS sulla salute degli amiatini, con analisi del sangue e delle urine, alla ricerca di metalli pesanti, come mercurio arsenico ed altri.

L'indagine, detta "INVETTA" analizzerà 2000 persone sottoposte all'inquinamento sull'Amiata. Perchè non estendere l'indagine agli abitanti dell'area geotermica nord (Larderello-Radicondoli), alla val di Cecina e alla zona di Rosignano, notoriamente inquinata da mercurio, arsenico ed altri inquinanti ? Perchè si vuole contenere la spesa oppure perchè si vuole salvaguardare gli interessi Enel riguardo al grosso degli abitanti sottoposti agli effetti della geotermia in val di Cecina, e di Solvay ?

in allegato il Dossier di Medicina democratica sull'inquinamento da mercurio del 2002, digitalizzato e messo in rete nel 2015 con aggiornamenti  (Link in allegato). Si noti da pag 106 l'accostamento di Foà e Caimi tra Minamata e "la baia di Vada" e le patologie da mercurio.

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (DOSSIER Mercurio a Rosignano Medicina democratica.pdf)DOSSIER Mercurio a Rosignano Medicina democratica.pdf Maurizio Marchi30756 Kb
Download this file (libri marchi elenco.pdf)libri marchi elenco.pdf Maurizio Marchi378 Kb
 
scapigliato, la più grande discarica della Toscana: ora basta PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Domenica 05 Novembre 2017 11:35

entro il 19 novembre si possono scrivere le opposizioni in Regione, ne stiamo preparando quasi 4.000 (quattromila), ma ci vuole anche la TUA

Dallo studio SIA pag. 45 di 50 dell'azienda REA, di intera proprietà del Comune di Rosignano Marittimo, che ha incassato tra il 1986 e il 2011 circa 330 milioni di euro:

 

“[…] 2. Scapigliato oggi
Scapigliato è oggi la discarica più grande della Toscana ed una delle più evolute in termini di assetto gestionale a livello nazionale e rappresenta un elemento strategico per la gestione dei rifiuti sul territorio regionale. Il quantitativo autorizzato di conferimento annuo nella discarica di Scapigliato, ad oggi, è di circa 460mila tonnellate di rifiuti, per circa il 20% di derivazione urbana e per il rimanente speciali non pericolosi, che a loro volta sono provenienti per circa l’80% dal territorio toscano; una ripartizione che rispecchia in gran parte la produzione di rifiuti in Toscana, fatta per 2,25 milioni di tonnellate/anno di rifiuti urbani e per quasi 10 milioni di tonnellate/anno di rifiuti speciali di derivazione industriale."

REA vuole ampliarla da 80 a 150 ettari, con una buca dedicata a 112.000 tonnellate di amianto, e un biodigestore da 90.000 tonnellate di organico l'anno, per produrre  31.500.000 metri cubi di metano l'anno: un enorme bio-affare ad alto rischio Seveso.

sotto una immagine dal progetto REA: che cosa diverrebbe una discarica già in marcia dal 1982, un'altra Solvay tra i campi di grano ....

Ultimo aggiornamento ( Domenica 05 Novembre 2017 11:56 )
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 165