Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

CINA, BOOM DI AUTO ELETTRICHE PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Lunedì 18 Marzo 2019 16:21

DAL SITO ASIABLOG

Cina, boom auto elettriche

 

Veicoli elettrici parcheggiati in una stazione di ricarica a Guiyang, capitale della provincia di Guizhou, nel sud-ovest della Cina, il 25 luglio 2018. Foto Liu Xu/Xinhua

Veicoli elettrici, la Cina guida la rivoluzione: +7.000% in 5 anni

(Asiablog.it) — Nel 2018 in Cina sono stati venduti oltre 1,2 milioni di veicoli di nuova energia (NEV), ovvero elettrici o ibridi, con un incremento del 61% su base annua e di oltre il 7.000% rispetto a soli cinque anni prima, nel 2013, quando furono venduti 17.642 veicoli.

Nel Paese asiatico ci sono 853.000 stazioni di ricarica per NEV, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa cinese Xinhua, che cita un rapporto del settore. Un totale di 44.000 stazioni sono state costruite a livello nazionale nel solo mese di gennaio 2019, con un aumento del 231% su base annua, si legge nel documento. Le stazioni di ricarica nelle metropoli come Pechino, Shanghai e nella provincia altamente urbanizzata del Guangdong rappresentano il 76,4% del totale nazionale. Si tratta di numeri enormi, soprattutto se paragonati a un Paese come l’Italia, che a metà 2018 contava poco più di 2.750 colonnine di ricarica pubbliche e 10.000 private.

 
Greta contro i cambiamenti climatici PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Domenica 17 Marzo 2019 18:53

https://tg24.sky.it/ambiente/approfondimenti/chi-e-greta-thunberg.html?intcmp=tg24_exit-popup

 
chiudete i porti alle navi da guerra, apriteli ai migranti PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 15 Marzo 2019 18:20

Appello ai ministri Toninelli, Trenta e Costa di Comitato No Muos, No Sigonella e Associazione Peacelink

A seguire un post di Antonio Mazzeo

Dal 25 febbraio e fino all’8 marzo, nelle acque nazionali e internazionali a largo delle coste della Sicilia orientale, si svolge l’esercitazione multilaterale della Nato Dynamic Manta, che vede anche la partecipazione del sottomarino a propulsione nucleare britannico HMS Ambush. Lo stesso sottomarino che, il 20 luglio del 2016, durante un’esercitazione nello Stretto di Gibilterra entrò in collisione con il mercantile panamense Andreas, riportando notevoli danni, tra cui lo squarcio della torretta principale, che suscitarono le legittime preoccupazioni dell’opinione pubblica per la possibile contaminazione ambientale, benché la Royal Navy avesse da subito escluso il coinvolgimento del reattore nucleare nell’incidente.

Prove di guerra in violazione del diritto internazionale

Con un’istanza di accesso civico inoltrata questa mattina ai Ministeri dei Trasporti, della Difesa e dell’Ambiente, il Comitato No Muos – No Sigonella e l’associazione Peacelink chiedono al Governo di conoscere l’interesse e i costi economici della partecipazione italiana all’esercitazione Nato Dynamic Manta, le cui manovre e finalità appaiono in violazione del diritto internazionale, e in particolare dell’obbligo di utilizzo pacifico dell’alto mare e del divieto di svolgervi attività militari ostili nei confronti di altre Nazioni. Al riguardo suscitano allarme le parole utilizzate dal comandante della flotta sottomarini Nato, Contrammiraglio Andrew C. Lennon, che ai giornalisti ha descritto uno scenario di “sfida tra grandi potenze”, evocando persino un “ritorno ai livelli di dispiegamento dell’era della Guerra fredda” e riferendosi in particolare alla Russia quale “concorrente della Nato e dell’Alleanza Altlantica”.

 
No al polo GNL a Livorno, si al polo dell’idrogeno PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Domenica 17 Marzo 2019 18:35

Olt , arrivano gli ultimi sostenitori, i grillini

No al polo GNL a Livorno, si al polo dell’idrogeno

 

25 anni fa il guru genovese parlava dell’idrogeno nei suoi spettacoli. Spettacoli appunto: oggi che questi signorini hanno preso il ministero e gli assessorati allo sviluppo economico, di idrogeno non ne parla più nessuno. Parlano solo di ciò che vuole il padrone, sia esso Olt, TAV, TAP o USA . E’ durata proprio poco la “rivoluzione propulsiva” del guru.

Sul Tirreno di venerdi  15 marzo 2019 – mentre in tutto il mondo si manifestava contro i cambiamenti climatici -  è apparsa una paginata di  desideri di OLT, attorniata dai suoi servetti, tra cui l’assessora PD della giunta regionale Fratoni e l’assessora Martini della giunta Nogarin. “La rivoluzione delle navi, andranno a gas, meno smog.” E poi la stessa Martini “Vogliamo Livorno polo del gnl per le flotte”. In tutta la paginata i 22 km dalla costa del rigassificatore , sono divenuti magicamente  il doppio, 22 miglia marine, cioè il doppio di lontananza, e quindi di garanzia. Ma questi sono dettagli.

Per la verità la svolta non è proprio tale. La giunta Nogarin fin dal principio fece una sviolinata ad OLT, con una risoluzione del 2014:

“Giunta comunale Livorno 5.11.14

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (SOLVAY BARCA A IDROGENO 2011.pdf)SOLVAY BARCA A IDROGENO 2011.pdf Maurizio Marchi350 Kb
Download this file (tutti con olt 001.jpg)tutti con olt 001.jpg Maurizio Marchi862 Kb
Download this file (tutti con olt 2 001.jpg)tutti con olt 2 001.jpg Maurizio Marchi744 Kb
 
referto epidemiologico comunale e Registro tumori ora sono legge PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 15 Marzo 2019 12:01

Comunico con vero piacere che OGGI la proposta su REGISTRO TUMORI e REFERTO EPIDEMIOLOGICO è stata convertita in LEGGE grazie ai relatori Baroni e Zolezzi (primi firmatari, M5S).
Il voto è stato UNANIME.

POTREMO COMINCIARE A "DARE I NUMERI" PER LA CURA, MA ANCHE PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DELLE MALATTIE COLLETTIVE. PRESTO E BENE.
Da oggi sarà molto più facile MONITORARE LO STATO DI SALUTE collettivo. Lo faremo in modo tempestivo, periodico, attendibile, completo, gratuito e verificabile. E non solo per i tumori.
Non ci saranno più alibi. FINALMENTE.

http://www.epiprev.it/sites/default/files/Referto_TestoAIE.pdf
http://www.epiprev.it/sites/default/files/RefertoEpidemiologico.pdf
https://www.sanitainformazione.it/politica/registro-tumori-e-legge-listituzione-della-rete-nazionale-m5s-ora-sara-possibile-sulla-base-di-dati-certi-studiare-il-legame-salute-ambiente-e-offrire-cure-migliori/
https://www.sanitainformazione.it/politica/rete-registro-tumori-legge-verso-approvazione-il-relatore-baroni-m5s-con-i-macrodati-scopriremo-nesso-di-causalita-tra-malattia-e-ambiente/
https://www.sanitainformazione.it/politica/registro-tumori-il-senato-approva-allunanimita-la-relatrice-castellone-serve-conoscere-nemico-per-sconfiggerlo/
https://www.youtube.com/watch?v=f_kzblELREM

VALERIO GENNARO    12.3.19

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 219