Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

LA REGIONE TOSCANA IMPEGNI I GESTORI A SOSTITUIRE I TUBI IN AMIANTO SUBITO PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Giovedì 04 Dicembre 2014 22:12

Medicina democratica

COORDINAMENTO TOSCANO

Sostituire tutte le tubazioni di amianto. Tumori da ingestione di amianto, nuove conferme dall’Istituto superiore di sanità.

Dopo le denunce di MD sull’amianto nelle tubazioni  di acqua “potabile”, la Regione Toscana si appresta a “normare” la presenza di amianto nell’acqua, cioè a fissare dei limiti, che ovviamente si dimostreranno “rispettati” dai gestori dell’acqua: per MD non c’è limite accettabile per una sostanza fortemente cancerogena come l’amianto ingerito, con tumori documentati  alla prostata,  all’ovaio, al peritoneo, al pericardio, al testicolo, come conferma l’Istituto Superiore di Sanità.

http://www.iss.it/pres/?lang=1&id=1459&tipo=6

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 04 Dicembre 2014 22:25 )
 
CON IL JOBS ACT SARA' DISTRUTTA ANCHE LA SALUTE DEI LAVORATORI PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Giovedì 04 Dicembre 2014 20:37

DAL SITO COMMUNIA


Fiducia e manganelli. Il Jobs Act è legge

Thu, 04/12/2014 - 12:10
di
Communia Network

Cronaca della giornata contro il Jobs act a Roma. Un processo sociale e politico che non si chiude con l'approvazione della legge. Qui anche "3D - comunicato ufficiale laboratori per lo sciopero sociale"

Ultimo aggiornamento ( Domenica 07 Dicembre 2014 23:06 )
 
GIUNTA GRILLINA DI LIVORNO PROPAGANDISTA DEL RIGASSIFICATORE OLT PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Mercoledì 26 Novembre 2014 11:58

UNA PRESA DI POSIZIONE INACCETTABILE, IN PIENA ANTITESI CON QUANTO HANNO SEMPRE SOSTENUTO MEDICINA DEMOCRATICA E IL COMITATO NOFFSHORE. Oltre all'estrema pericolosità e all'inutilità del rigassificatore OLT, IL GAS NATURALE RITARDERA' - ASSORBENDO IL GROSSO DEGLI INCENTIVI STATALI - anzichè "traghettare" verso le energie rinnovabili.


Giunta comunale Livorno 5.11.14

In data 20 dicembre 2013 OLT (Offshore LNG Toscana) ha avviato le attività commerciali

del terminale galleggiante di rigassificazione che riporta il gas naturale liquefatto (GNL)

ricevuto da navi metaniere (che possono trasportare circa 130.000 metri cubi di GNL,

equivalente a circa 80 milioni di metri cubi di metano) allo stato gassoso per essere immesso

nella rete di distribuzione nazionale attraverso una condotta che lo collega alla terra ferma.

Il rigassificatore OLT offshore è posizionato a circa 22 km dalla costa tra Livorno e Pisa ed è

autorizzato per una capacità di rigassificazione di 3,75 miliardi di metri cubi annui (che

corrispondono circa al 4% dell’intero fabbisogno nazionale, che in situazioni di punta può

arrivare fino al 10%), una capacità massima di rigassificazione di 15 milioni di metri cubi al

giorno e una capacità di stoccaggio di 137.500 metri cubi di GNL.

La rigassificazione è un metodo di acquisizione del gas naturale che consente di svincolare

l’Italia dall’obbligo di approvvigionamento tramite i gasdotti, tuttavia presenta intrinseche

criticità dal punto di vista tecnico-gestionale. L'infrastruttura energetica è stata realizzata e

messa in esercizio con l’obiettivo di garantire un’adeguata diversificazione delle fonti di

approvvigionamento e favorire la massima diffusione del gas naturale sul territorio

(considerato dal Piano Energetico Regionale la fonte energetica che “traghetterà” verso il

pieno sviluppo delle rinnovabili). Il gas naturale, in relazione al presente Piano, ricopre un

ruolo fondamentale tenuto conto degli effetti climalteranti dei prodotti della combustione

rispetto a quelli delle altre fonti fossili.

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 26 Novembre 2014 12:09 )
 
altro che prescrizione a chi ha impestato tutta Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Sabato 29 Novembre 2014 00:08
  • DAL SITO INTERNAZIONALE 21 Nov 2014

Lutto cittadino a Casale Monferrato dopo la sentenza Eternit

Quanto amianto c’è ancora in Italia

Sono 33.610 i siti inquinati con l’amianto in Italia, se si considerano solo i siti censiti, ma mancano informazioni sulla Calabria, la Sicilia e la Campania.

 
ANCORA SULLA SCANDALOSA PRESCRIZIONE A ETERNIT PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Domenica 23 Novembre 2014 10:14

Dalle ore 21:00 del 19 novembre 2014, in Italia il “Disastro Ambientale” non è più reato.

LA PRESCRIZIONE DEI REATI,

BALUARDO DEL DIRITTO,

RISUONA OGGI COME SINONIMO DI IMPUNITA’ E DI INGIUSTIZIA

 
<< Inizio < Prec. 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 Succ. > Fine >>

Pagina 182 di 261