Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

Lo studio di Greenpeace "La Battaglia delle reti" PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Lunedì 21 Marzo 2011 10:36

La traduzione in italiano dello studio riporta in testa il link per vedere l'originale in inglese.

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (La battaglia delle reti.pdf)La battaglia delle reti.pdf Maurizio Marchi11255 Kb
 
Energia, un importante studio di Greenpeace PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 18 Marzo 2011 13:43

 

Contro il nucleare, per l'uscita dai combustibili fossili, contro l'impatto devastante della geotermia, costruiamo dal basso un

PIANO ENERGETICO ALTERNATIVO 

Grazie al prezioso lavoro di una caro amico di Livorno, che ha tradotto lo studio di Greenpeace dall'inglese, esponiamo qui sotto le principali conclusioni. Nei prossimi giorni l'intero studio sarà disponibile.

 Dopo ampio utilizzo di modelli al computer1, ivi comprese previsioni dettagliate su quanta elettricità può provenire da impianti di energia solare ed eolica in ogni ora dell’anno, La Battaglia delle Reti mostra che:

1. L’integrazione su larga scala di elettricità da fonti rinnovabili nella rete europea (68 per cento entro il 2030 e 99,5 per cento entro il 2050) è fattibile sia tecnicamente che economicamente con un elevato livello di sicurezza degli approvvigionamenti, anche nelle condizioni climatiche più estreme con poco vento e bassa radiazione solare. Ciò conferma ulteriormente la fattibilità di una visione del 100 per cento di elettricità rinnovabile. Rafforza anche i risultati di Energy [R]evolution2 di Greenpeace, che dimostra che soddisfare nel 2050 la domanda con il 97 per cento di energia elettrica rinnovabile costerebbe il 34 per cento in meno rispetto allo scenario di riferimento dell’IEA, e che entro il 2030 il 68 per cento di energia elettrica rinnovabile potrebbe produrre 1,2 milioni di posti di lavoro, 780.000 in più rispetto allo scenario  di riferimento.

 
Come smaltire rifiuti radioattivi e guadagnarci PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Venerdì 11 Marzo 2011 17:01

 

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 11 Marzo 2011 17:04 )
 
Acqua in deroga nel comune di Rosignano ed altri PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Lunedì 14 Marzo 2011 08:20

lunedì 14 marzo 2011

asl analisi acqua ago 2010

Allego la relazione ASL agosto 2010 sulla qualità dell’acqua a Rosignano : come si vede a fine 2009 (e quindi a fine deroga) i trialometani erano oltre i limiti di legge. Nella notte di San Silvestro hanno messo a norma ciò che non hanno messo a norma per 7 anni, dal 2003 ?

davvero poco credibile …

QUI sotto allegate le relazioni ASL di Rosignano, Cecina e Riparbella.

Sono disponibili anche quelle degli altri comuni della Bassa val di Cecina, chiedendole al blog  Medicina democratica ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )

 

Le relazioni sulla qualità dell'acqua di Livorno città e di Piombino non sono state fornite dall'ASL, nonostante siano state richieste per scritto da tempo: violazione della legge sull'accesso agli atti, particolarmente grave in quanto la stessa legge 31/2001 prevede esplicitamernte che la popolazione deve essere informata che le stanno fornendo acqua potabile in deroga ai limiti di legge.

Attachments:
FileDescrizioneUploaderFile size
Download this file (CecinaRE09.doc)CecinaRE09.doc Maurizio Marchi333 Kb
Download this file (riparbella09.doc)riparbella09.doc Maurizio Marchi235 Kb
Download this file (Rosignano09.doc)Rosignano09.doc Maurizio Marchi327 Kb
 
MD denuncia Comune di Rosignano PDF Stampa E-mail
Scritto da Maurizio Marchi   
Giovedì 10 Marzo 2011 07:59

MD denuncia il comune di Rosignano:  fornisce materiali tossici

 Alcuni cittadini, tra cui esponenti di MD, hanno presentato un aggiornamento all’esposto-denuncia già avanzato nel novembre scorso alla Procura della Repubblica contro l’ampliamento delle cave di gabbriccio, contenente amianto e cromo, e il suo uso.

Ora vengono segnalati alla Magistratura fatti nuovi: 1- i risultati dello Studio epidemiologico del CNR di Pisa (febbraio 2009, ma conosciuto dagli esponenti solo nel dicembre scorso), coinvolgente 15 comuni della Bassa e dell’Alta Val di Cecina (definita “area cromo”) da cui risultano 622 morti in più rispetto agli attesi, per gli effetti del cromo esavalente ed altri inquinanti, e da cui risulta che la presenza di cromo nei pozzi è dovuta alla movimentazione di  rocce ofiolitiche, appunto il gabbriccio.

 
<< Inizio < Prec. 181 182 183 Succ. > Fine >>

Pagina 181 di 183