Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

Dal prof. Giancarlo Ugazio, molte altre patologie da amianto PDF Stampa E-mail

Al seguente link l'intero file del Quaderno n. 4/2011 del prof. Ugazio, patologo ambientale dell'Università di Torino (qui sotto un estratto).

http://www.grippa.org/html/allegati/QUAD4003.pdf

 

La letteratura scientifica biomedica ci insegna che le fibrille di amianto  possono entrare nell’organismo sia attraverso le vie respiratorie sia attraverso il tubo gastroenterico, e che

 

esse sono patogene sia se inalate, sia se ingerite,  col potus o con i cibi, sia quando vengono in contatto con tessuti di rivestimento, epidermico e/o mucoso. Una volta entrate in circolo, esse possono raggiungere tutti i tessuti e gli organi, dove si localizzano, producendo diversi tipi di patologie. La più frequente è una minuscola infiammazione cronica, il corpuscolo dell'asbesto. Poi le fibrille localizzate nei tessuti, trasformate in derivati epossidici, esprimono il loro potenziale cancerogeno alterando la molecola del DNA del nucleo delle cellule. Tutti i tessuti, nessuno escluso, sono proni a questa azione patogena. Sia il tessuto polmonare sia le membrane sierose (pleusa, peritoneo, pericardio, tonaca vaginale, del testicolo), sono i bersagli più comuni dell'azione cancerogena, ma non si sottraggono a questo tipo di effetto lesivo per esempio la prostata, la tiroide, l'ovaio, il tubo gastroenterico, il tessuto nervoso - con i relativi tumori maligni - e i tessuti emolinfopoietici - con leucemie, linfomi et similia. Talora la cancerogenesi si avvale del contributo sinergico di metalli pesanti quali cromo, mercurio, arsenico, zinco.