Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

Settimo terremoto sul gasdotto in costruzione a Livorno PDF Stampa E-mail

MEDICINA DEMOCRATICA                                                                             

Vertenza Livorno – rete per la difesa della salute e dell’ambiente       

Terremoto sui tubi OLT: fermare i lavori, verificare pubblicamente il rischio sismico.

Sabato pomeriggio  alle 16,59 si è verificata una scossa di terremoto in mare davanti a Livorno (meno di dieci km dalla città),  a 7,7 km di profondità,  lungo la fascia dove sono stati posizionati  i tubi del gasdotto che collegherà il rigassificatore OLT a terra. L’Istituto di geofisica e vulcanologia sottolinea che non si può considerare isolato questo terremoto, ma è possibile che si ripeta, dato che "mappe alla mano" quest’area  fa parte di una  zona sismica situata poco distante dalla costa, con una faglia nord-sud  che parte dalla Versilia ed arriva fino a Cecina. Perciò incrocia inevitabilmente la pipeline della OLT.  L’Istituto di geofisica  sottolinea che tra il 2003 e il 2008 si sono verificati  ben 6 terremoti, di cui uno superiore al 5° grado della scala Richter, proprio nel punto in cui passa  il nuovo gasdotto (si veda il link).

 Ci chiediamo e chiediamo a chi ha autorizzato il rigassificatore e la pipeline (Ministeri e Regione Toscana): sono state lesionate le tubazioni, fortunatamente ancora vuote da gas ? E’ stato valutato a suo tempo, e con la dovuta accortezza , questo rischio che – a rigassificatore ancora non attivato – si è già concretizzato numerose volte ? si è considerato che le tubazioni  OLT sono  facilmente lesionabili ?

Che cosa avverrebbe se una tubazione piena di gas metano si rompesse per un  sisma futuro e creasse una bolla di gas che inevitabilmente salirebbe in superficie e potrebbe incendiarsi coinvolgendo natanti , persone e costa ?

Chiediamo pertanto di fermare i lavori, e verificare – con una inchiesta trasparente e pubblica – che cosa sia avvenuto e, alla luce di tutto ciò, rivedere la reale portata del rischio sismico  sul rigassificatore.

http://www.offshorenograzie.it/index.php?option=com_content&task=view&id=387

http://cnt.rm.ingv.it/data_id/7225023390/event.html

15.10.12