Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

morto padre Eugenio Melandri, pacifista ed ex deputato PDF Stampa E-mail

E' morto ieri 27.10.19 a Ravenna padre Eugenio Melandri, una delle grandi figure del pacifismo italiano.

da wikipedia

Eugenio Melandri (Brisighella, 21 settembre 194827 ottobre 2019) è stato un politico e presbitero italiano, esponente di Democrazia Proletaria e già parlamentare europeo.

Cenni biografici

Nel 1974 entra nei Missionari Saveriani (Pia Società di San Francesco Saverio per le Missioni estere), dove rimarrà fino alla sospensione a divinis nel 1989 causata dalla sua elezione a parlamentare europeo. La sospensione viene ritirata nel settembre 2019 e Melandri viene incardinato nell'arcidiocesi di Bologna.

Nel 1980 diviene direttore della rivista dei Saveriani Missione Oggi. In quel periodo è esponente di punta del mondo pacifista. Sostiene il diritto all'obiezione di coscienza , partecipa in prima linea alle manifestazioni contro l'installazione dei missili nella Base NATO Comiso , diventa obiettore di coscienza alle spese militari e lancia la campagna per il disarmo unilaterale.

È stato eletto deputato europeo alle elezioni del 1989 per la lista di Democrazia Proletaria. È stato vicepresidente dell'Assemblea paritetica della convenzione tra gli Stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico e la CEE (ACP-CEE) e della Delegazione alla Commissione parlamentare mista Spazio economico europeo; membro della Commissione per lo sviluppo e la cooperazione.

Fonda, nel frattempo, l'Associazione Senzaconfine, per i diritti degli immigrati e insieme con Dino Frisullo si spende perché i diritti non siano riservati ai soli cittadini italiani .

Nel 1992 è eletto al Parlamento Italiano con Rifondazione Comunista, ma si dimette dall'incarico dopo pochi mesi per non tenere due mandati parlamentari . Venne sostituito da Mauro Guerra.

Nel dicembre 1992 partecipa con altri parlamentari italiani alla marcia per la pace promossa dall'associazione pacifista Beati costruttori di pace per interrompere l'Assedio di Sarajevo .

Dopo aver militato per alcuni anni nella Lega degli obiettori di coscienza, con Massimo Paolicelli e Claudio Di Biasi decide di fondare, il 27 novembre 1994, l'AON - Associazione Obiettori Nonviolenti, di cui è il primo presidente , interrompendo così l'espressione politica unitaria degli obiettori di coscienza italiani. Le due associazioni, insieme a Pax Christi, promuovono il primo Giubileo degli obiettori di coscienza il 4 novembre 2000 .

Si ripresentò tra le file di Rifondazione Comunista alle consultazioni europee del 1994: candidato nelle circoscrizioni nord-est e nord-ovest, ottenne 14.615 voti nella prima e 21.910 nella seconda, risultando in ambo i casi il primo dei non eletti.

Il 18 settembre 2019 comunica sul suo profilo Facebook di essere stato reincardinato nel clero bolognese per decisione dell'arcivescovo Matteo Zuppi e, quindi, la possibilità di poter rientrare nella congregazione dei saveriani e ritornare a celebrare l'Eucaristia ed amministrare i Sacramenti.

Muore il 27 ottobre 2019 a 71 anni, dopo una lunga malattia.

Pubblicazioni

  • Eugenio Melandri, Guido Barbera, Cooperazione dai bisogni ai diritti, EMI, Bologna, 2007
  • Eugenio Melandri, L'alba della democrazia: viaggio nel Congo che cambia, EMI, Bologna, 2007
  • Eugenio Melandri, Stefano Semenzato, Bella Italia, armate sponde, Irene Edizioni, Roma, 1989