pagheremo caro, pagheremo tutto OLT ? Stampa
Scritto da Maurizio Marchi   
Sabato 25 Gennaio 2014 17:54

Rigassificatore inutilizzato! Il comitato No Offshore pone delle domande a OLT

Venerdì 24 Gennaio 2014 13:09



Il 31 agosto con grande strombazzamento mediatico il terminale di
rigassificazione è arrivato di fronte alle coste livornesi. Il 20
dicembre la OLT, proprietaria del terminale, ha annunciato con uno
striminzito comunicato di cinque righe e mezzo l’avvio delle attività
commerciali del terminale di rigassificazione. Poiché ci sembra
doveroso che la popolazione livornese sia correttamente informata
sulle prospettive di questo impianto chiediamo alla OLT:

Quanti contratti essa abbia concluso per l’arrivo di navi gasiere al terminale.

Quanti contratti essa abbia concluso con società disposte a utilizzare
in “affitto” il terminale per farvi arrivare proprie navi gasiere.

Quanti contratti essa abbia concluso per la vendita del gas, che a
quanto pare sarebbe stato stoccato presso il terminale in attesa di
acquirenti.

Quanti lavoratori sono stati assunti direttamente dalla OLT, quanti
dalla società Ecos, quanti dalla società Fratelli Neri

Infine chiediamo alla OLT se è vero che l’amministratore delegato
della IREN, comproprietaria della OLT, ha dichiarato ai propri
azionisti che i ricavi del rigassificatore per il 2014 sono garantiti
dallo Stato, cioè da un aggravio sulle bollette del gas.

Ci auguriamo che la OLT vorrà rispondere a queste poche e semplici
domande perché se da una parte non possiamo che constatare con
soddisfazione che il terminale giace inoperoso, evitando quindi la
devastazione del mare e i rischi di incidente, dall’altra riteniamo
scandaloso che i costi di questo dissennato progetto (circa 1 miliardo
di euro) vengano fatti pagare ai contribuenti.

Comitato contro il rigassificatore