Scrivici







Pubblicazioni

test

test

La sinistra è finita in discarica?

La sinistra è finita in discarica?

Non ce la date a bere

Non ce la date a bere

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

Discarica di Scapigliato: 330 milioni di euro al Comune di Rosignano

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

DISCARICA DI SCAPIGLIATO 1982/2012

fucilare bambini palestinesi non è reato PDF Stampa E-mail

 

dal sito l'antidiplomatico

Fucilare i bambini palestinesi non è reato



Li uccidono così, fucilandoli a freddo. Adulti e bambini senza distinzione, tanto sono palestinesi! 

Sanno che per i loro continui crimini, anche se a volte configurabili come crimini di guerra, altre come crimini contro l'umanità non pagheranno alcun prezzo.

Chi sono questi serial killer finora impuniti? sono i soldati di Tsahal, le forze armate israeliane. 

Ieri ne hanno uccisi sette di palestinesi inermi. Il più giovane non aveva ancora 12 anni, praticamente un cucciolo, il più vecchio ne aveva 26. Ma nessuna sanzione arriverà a fermare il grilletto dei killer, cecchini cui Israele ha dato mandato di colpire i palestinesi che manifestano lungo la linea dell'assedio. 


Manifestano per rivendicare ciò che NON dovrebbe neanche essere chiesto, se l'ONU avesse un senso, perché è già loro dovuto. 

Chiedono, anzi giustamente pretendono, il rispetto di due diritti essenziali e ritenuti tali da più Risoluzioni della Nazioni Unite, il diritto alla libertà e il diritto al ritorno nelle terre che furono costretti ad abbandonare. 

Solo ieri i criminali israeliani ne hanno feriti circa 500 portando a oltre 20.000 il numero dei feriti complessivi della Grande marcia per il ritorno, e uccisi altri sette portando la strage di inermi, solo lungo il border, a quasi 200 martiri. 

Numeri da guerra e non da due ore di manifestazione. Una vergogna insopportabile per uno Stato democratico, ma Israele non prova vergogna, perché Israele è uno Stato etnocratico e NON democratico. Sarebbe ora di dirlo a voce alta e di pretendere, dati alla mano, che le nostre istituzioni facciano altrettanto. La vergogna non appartiene a Israele se uccide o ferisce centinaia di "goym", cioè di non ebrei, alias di non appartenenti al popolo eletto, a maggior ragione se questi sono "solo" dei palestinesi, ma appartiene a chi si riconosce nei valori democratici e per questo prova indignazione oltre che umano dolore. 


Ma, al di là dell'indignazione che, in quanto democratici sinceri, proviamo davanti a tale efferata e non sanzionata violenza, cerchiamo di capire a cosa mira Israele. Non è sufficiente fermarsi all'osservazione sociologica di un dato incontestabile, e cioè ia sua sempre più evidente deriva verso una pratica a dir poco nazistoide, per dare una spiegazione convincente circa la strategia che determina tanta criminale violenza. 

Netanyahu, all'assemblea dell'Onu di tre giorni fa, ha liquidato con disprezzo la questione palestinese, considerandola ormai risolta e si è tuffato sull'Iran e su Hezbollah. Ma Israele lo sa che sta rischiando e facendo rischiare molto grosso a tutto il Medio Oriente, e non solo? 

Vorrà forse utilizzare una delle sue 137 o più bombe nucleari? Risulta difficile crederci. Allora cosa vuole Israele? e cosa vuol fare dei palestinesi, per restare nel tema che stiamo affrontando? 

La violenza di cui stiamo parlando riguarda i palestinesi di Gaza, ma la Cisgiordania non è davvero risparmiata dagli abusi israeliani, al punto che perfino l'Alto rappresentante UE per gli Affari Esteri, F.

Mogherini ha preso, almeno verbalmente, posizione (v. la minacciata demolizione della scuola di gomme e del villaggio di Khan al Ahmar). Forse, rispetto a Gaza, il suo è semplicemente un gioco criminale per testare Hamas e vedere se dopo tante provocazioni risponderà, fornendogli la possibilità di dire che è stato "costretto" ad attaccare massicciamente ancora una volta la Striscia e poterla usare, come ritenuto da alcuni analisti, come laboratorio per sperimentare nuove armi.

Non abbiamo la possibilità di verificarlo e quindi lo lasciamo nella sfera del dubbio. Ma una cosa sappiamo ed è di pubblico dominio: Israele ha già più volte usato fosforo bianco e cluster bombs contro i gazawi e non ha avuto per questo alcuna sanzione. 

Perché l'ONU teme Israele? forse perché le voci di lobbies ebraiche che dagli USA governano il mondo non sono semplici fantasie? 
Ma anche questo non basta a capire. C'è qualcosa che va indagato più a fondo, pena il rischio di liquidare tutto in una formula che chiama la religione ebraica a sostegno dell'agire israeliano al di fuori, al di sopra e contro ogni legalità, riducendo il Diritto e le Istituzioni internazionali in cenere.

Il problema vero non sarebbe comunque nel liquidare tutto a problema religioso, quanto le sue conseguenze circa il Diritto internazionale. Un danno che va ben oltre le violenze contro i palestinesi e lo sprezzo per i loro diritti. Un danno che per una specie di legge fisica tracima dalla Palestina e coinvolge il mondo.

Questo consentire a Israele di agire impunito in una sorta di riconoscimento del suo essere "über alles" tollerando, o fingendo di ignorare o addirittura acclamando le sue illegalità è un problema enorme eppure i media mainstream seguitano a fornire copertura mediatica a questo Stato fuorilegge derubricando perfino le fucilazioni di bambini a "risultati degli scontri". Scontri impossibili per definizione data la struttura del border.

Mentre trascrivo i nomi degli ultimi sette martiri per non lasciarli solo come numeri dell'eccidio, mi viene in mente il sermone del pastore protestante Niemoeller, poi ripreso nei versi di Brecht, "vennero a prendere i comunisti ma io non dissi niente, non ero comuniista. Poi vennero a prendere gli ebrei ma io non dissi niente, non ero ebreo. Vennero..... ...poi vennero a prendere me, ma non c'era più nessuno che potesse parlare". 

Che ci pensino i nostri colleghi dei media mainstream, almeno quelli che si definiscono democratici, ci pensino. E non solo per sostenere la causa palestinese che noi riteniamo assolutamente giusta, ma per non lasciar decomporre quel che che resta dei valori democratici di cui troppo spesso a vuoto riempiono le loro pagine.

Oggi sono stati sepolti   Mohammed Nayef ,14 anni,  Iyad Khalil  20 anni,  Mohammed Walid Haniya, di 24 anni come  Mohammed Bassam Shaksa, il piccolo Nasser Azmi Musabeh di soli 12 anni, Mohammed Ali Anshasi, 18 anni e  Mohammed Ashraf Al-Awawdeh di 26 anni. Tutti fucilati  senza processo da uno Stato che compiendo abitualmente questi crimini non può che essere definito CANAGLIA. 

Patrizia Cecconi - Milano 29 settembre 2018

Notizia del: 29/09/2018

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Notizia del: 30/09/2018    Fonte: IRNA - FOTO AFP

"La decisione di ricorrere al sistema di difesa aerea S-300 nel territorio siriano è un messaggio...

>>

Notizia del: 29/09/2018    Fonte: RT Esp - Foto AFP

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato durante la sua conferenza stampa che i terroristi...

>>

Notizia del: 29/09/2018    Fonte: TASS

Sistema di guerra elettronica in Siria in grado di tracciare gli aerei in Europa e Israele

Il sistema di guerra radio-elettronica rinforzato assegna automaticamente un numero bersaglio ad esso offrendo varie opzioni.

Il sistema russo di guerra elettronica rinforzato in Siria è in grado di tracciare gli aerei negli aeroporti...

>>

Notizia del: 28/09/2018

Il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif, ha accusato Israele del suo account Twitter di essere l'unico...

>>

Notizia del: 28/09/2018    Fonte: Bosphorus Observer

Una grande nave russa si dirige verso la Siria: Probabile consegna dei missili S-300

Una grande nave mercantile russa ha attraversato l'affollato Stretto del Bosforo questa settimana per dirigersi verso il porto di Tartous, nella Siria occidentale.

Secondo Yoruk Isik di 'Bosphorus Observer', il governo russo che ha noleggiato la nave mercantile...

>>

Notizia del: 26/09/2018

A proposito di crimini israeliani e tolleranza internazionale

In questi giorni, dalla conta dei morti e dei feriti - fucilati inermi nella grande manifestazione settimanale contro l’assedio e per l’applicazione della Risoluzione ONU 194 che si svolge...

>>

Notizia del: 26/09/2018    Fonte: Xinua

Il vice-cancelliere siriano ha avvertito che in caso di un nuovo attacco "ci difenderemo come abbiamo fatto prima".

La fornitura del sistema missilistico anti-aereo russo S-300 alle Forze armate siriane farà sì...

>>

Notizia del: 26/09/2018

Piccole Note   Il generale Gadi Eisenkot, Capo di Stato maggiore dell’esercito israeliano, ha avvertito che il taglio dei finanziamenti ai palestinesi deciso da Trump rischia di scatenare...

>>

Notizia del: 24/09/2018    Fonte: Haaretz

Secondo quanto ha riferito il quotidiano israeliano 'Haaretz', Il primo ministro Benjamin Netanyahu...

>>

Notizia del: 24/09/2018    Fonte: Hispantv

Assemblea ONU, Rohani a Trump: "I grandi leader come Mandela costruiscono ponti, no muri"

Parlando in occasione del 'Vertice di pace Nelson Mandela', tenutasi oggi nel quadro della 73a sessione...

>>

Le più recenti da World Affairs

Notizia del: 30/09/2018

di Francesco Erspamer* Forse non tutti sanno che la parte dell'articolo 97 della Costituzione che impone il pareggio di bilancio, citata da Mattarella per criticare il governo e il DEF di pochi...

>>

Notizia del: 30/09/2018    Fonte: Washington Examiner - Bloomberg

USA: Cerchiamo di espellere l'Iran e la Russia dal mercato dell'energia

Gli Stati Uniti si propongono di espellere l'Iran e la Russia dal mercato energetico globale nel quadro della loro politica restrittiva nei confronti di entrambi i paesi, afferma un funzionario statunitense.

Gli Stati Uniti stanno esaminando misure economiche per fare pressione su Russia e Iran per  "espellerli...

>>

Notizia del: 30/09/2018    Fonte: IRNA - FOTO AFP

"La decisione di ricorrere al sistema di difesa aerea S-300 nel territorio siriano è un messaggio...

>>

Notizia del: 30/09/2018    Fonte: Ruptly

Uno dei distretti più poveri dello Yemen, Aslam ospita sia i residenti locali sia le persone sfollate a...

>>

Notizia del: 30/09/2018    Fonte: HispanTv

Un rapporto rivela l'aumento del tasso di suicidi tra i militari degli Stati Uniti

Il governo degli Stati Uniti rivela che i suoi sforzi per contenere l'aumento del tasso di suicidio degli ex militari stanno fallendo

«È un'emergenza nazionale che richiede un'azione immediata. Abbiamo trascorso l'ultimo...

>>

Notizia del: 29/09/2018

Deficit di sinistra

Il Simplicissimus   Se piegano la testa allora vuol dire che sono come Tsipras, se invece resistono ai ricatti come è successo con la Nota di aggiornamento al Def e la resa del ministro...

>>

Notizia del: 29/09/2018

(VIDEO) Maduro all'ONU: le guerre contro Libia e Siria hanno costretto milioni di persone alla migrazione

sibialiria.org ** Il presidente del Venezuela Nicolás Maduro, intervenendo nei giorni scorsi alla 73 esima  Assemblea generale delle Nazioni unite, fra gli altri temi ha toccato...

>>

Ultime News

Il pareggio di bilancio in Costituzione c'è solo da sei anni ed è una 'camicia di forza' neoliberista

 

USA: Cerchiamo di espellere l'Iran e la Russia dal mercato dell'energia

 

Damasco: L'invio degli S-300 in Siria è un messaggio della Russia a Israele

 

L'intervista

 

«In Argentina governa il Fondo Monetario Internazionale», intervista al giornalista Gustavo Daniel Pescetta

di Geraldina Colotti   Intervista...

Segue...

 

Dittatura e stragi del capitale o nazionalizzazioni e democrazia economica socialista come nel Venezuela dell'ALBA? Intervista a Luciano Vasapollo

di Fabrizio Verde   Prima...

Segue...

 

Siria, Mons. George Khazen racconta l'inferno di Idlib: «Tutti quelli che vogliono la riconciliazione con Damasco, sono attaccati, arrestati e uccisi dai jihadisti»

Idlib è l’ultima...

Segue...

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua e-mail

Accetto

privacy

L'Analisi

 

Le grandi manovre internazionali contro il Venezuela proseguono. Ma DATINCORP avverte: “Troppo alti i costi di una guerra"

di Geraldina Colotti Le...

Segue...

 

Mentre tutti gli occhi sono puntati su Idlib, in Siria, gli Stati Uniti continuano a decimare lo Yemen

Segue l'editoriale di Darius Shahtahmasebi,...

Segue...

Next Age

 

Pokemon Go nelle spiagge italiane: storia di ordinaria follia 2016

di Fabrizio Faberbros Bruera Ieri...

Segue...

 

Tolfarte: un grande cappello per un grande Festival

Su MARTEFUNDING.ORG...

Segue...

$1929

China Best Prices
Verified Coupon
Coupon for Gearbest
Coupon for Banggood
Coupon for Banggood

 

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa

Questo sito utilizza cookie di profilazione propri e di siti terzi. Se vuoi saperne di più consula la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Grazie

Ok

Leggi di più